Seguici sui social più usati    facebook like facebook google plus google communities youtube twitter linkedin       
IFIT Sport Center PDF Email Visite: 4167

4619715 mObesità e movimento infantile

Sulla scia delle tematiche legate al movimento ed alle tendenze moderne concernenti l’educazione dell’infanzia, è interessante osservare il panorama italiano per quel che riguarda l’aumento preoccupante dell’obesità in Italia.

Come evidenziato dai dati di ricerca “Baby consumers” a cura del Movimento Difesa del Cittadino, sulle abitudini dei più piccoli, si evidenzia come i bambini si muovano sempre meno.

Vanno a scuola in automobile, solo il 25% mangia quotidianamente frutta e verdura; sono sempre più grassi tanto da essersi conquistati un primato nella classifica europea.

A 10 anni la metà di loro cammina meno di 30 minuti al giorno, il 25% è in soprappeso e l’11% addirittura obeso.

5595720 m

In totale il 36% dei bambini delle elementari è in una situazione di sovrappeso dovuta per lo più a cattive abitudini alimentari e ad uno stile di vita tendenzialmente sedentario.

Nella maggior parte dei casi per “rieducare” il bambino è necessario coinvolgere tutto il nucleo familiare: i figli tendono ad assumere gli stessi comportamenti dei genitori e ad “ereditarne” anche gli errori alimentari e di non “consuetudine” al movimento.

 

Per questo è indispensabile che i genitori siano coinvolti nei progetti di educazione alimentare e movimento e che diano l’esempio mangiando correttamente e muovendosi di più.

L’esercizio fisico è in grado di per sé di indurre un calo ponderale in quanto comporta un aumento del costo energetico sia durante la pratica dell’esercizio sia nel periodo immediatamente successivo (debito di ossigeno).

I bambini obesi o con tendenza ad esserlo, presentano una serie di caratteristiche che, se non modificate e migliorate, possono condurli ad uno stato di sempre più pesante di sedentarietà.

Una soluzione specifica è praticare sport e, nel caso specifico, il nuoto.

La denuncia sociale che diventa indispensabile fare è un cambiamento delle abitudini a livello generale, non solo per quel che riguarda l’alimentazione, ma una vera e propria modifica di come si fa movimento.

Fino a qualche tempo fa, i bambini potevano stare all’aria aperta, giocare, il più delle volte imparavano da soli i movimenti: saltare, correre, fare le capriole.

Molto spesso il gioco era legato ad una socialità che si svolgeva principalmente all’aperto, dove i bambini avevano la possibilità di apprendere sulla propria pelle le prime esperienze di contatto con il proprio corpo e con quello altrui, e di sviluppare le proprie capacità motorie.

Ora stiamo assistendo ad una vera e proprio regressione. Non si permette più al bambino di sperimentare, lo si deve per forza proteggere da ogni pericolo, impedendogli di faticare per ottenere qualcosa. La sedentarietà diventa un modo per tenersi alla larga dalle sperimentazioni naturali che ogni bambino può fare e allo stesso tempo, rappresenta la vera e propria incapacità del genitore di dire “basta”.

Per un educatore non è un compito facile quello di fare apprendere al bambino come muoversi e cosa fare prima e dopo l’attività natatoria.

Si dovrebbe creare un dialogo tra le famiglie e l’ambiente sportivo, in modo da non vanificare lo sforzo del bambino e l’istruttore.

Durante l’orario di attività natatoria il compito dell’istruttore è stimolare l’attenzione del bambino portandolo a creare i suoi gesti e rendere tecnico ciò che apprende, stimolando la capacità di sentire il proprio corpo e trovando una piacevolezza nel movimento, che lo possa portare al desiderio di continuare a muoversi e di tornare in piscina.

4619715 m

E’ molto importante cercare di stimolare la curiosità del bambino in modo che la sua pigrizia mentale e fisica si possa trasformare in un atto di volontà.

 

Lo scopo dei nostri insegnanti è quello di educare il bambino al movimento, offrendogli l’opportunità di crescere con la consapevolezza del proprio corpo e le possibilità di strutturarlo positivamente, dandogli modo di trovare piacere nel movimento, trasformandolo in un gioco e in una possibilità di miglioramento per se stesso e la propria salute.

 

Vi aspettiamo nella nostra piscina con tanta voglia di imparare e divertirvi!!!

 IFIT Sport Center


IFIT Sport Center
Via Parini, 2 - 00068 Rignano Flaminio (Rm)
info: +39 0761509005