Seguici sui social più usati    facebook like facebook google plus google communities youtube twitter linkedin       
Il segreto dello stato di coerenza PDF Email Visite: 3222

paolo-babaglioni1Ecco come puoi mettere in comunicazione i tuoi 2 cervelli.

Sì, hai due cervelli! E il secondo non è nello stomaco come molti pensano o nella zona addominale ma bensì nel tuo cuore.

Segui il tuo cuore”, “Ascolta il tuo cuore”, “Parla col cuore”. Quante volte l’hai detto? Quante volte te lo sei sentito dire?

E’ tutto vero. Il cuore possiede una consapevolezza, un’intelligenza propria tanto è vero che nel feto nella pancia della mamma il cuore inizia a battere prima dello sviluppo del cervello.

Nel cuore vi sono 40.000 neuroni che sono in continua comunicazione col cervello. Il cervello del cuore gioca un ruolo importante nella vita di tutti i giorni.

Ti faccio un esempio pratico: immagina di essere in uno stato emotivo negativo, la rabbia. Il cuore manda questa informazione al cervello il quale reagirà producendo un ormone, il cortisolo, l’ormone dello stress, colui che inibisce la sinesi di DNA, RNA, proteine GH. Questo ormone in circolo non ti aiuterà e andrà a confermare la rabbia che sarà nuovamente registrata dal cuore in un ciclo senza fine (o forse no?)

Immagina invece di provare in continuazione le emozioni più potenti, amore, entusiasmo, gioia, gratitudine. Il cuore registra questa emozione, manda l’informazione al cervello che fa produrre l’ormone DHEA, che aumenta il vigore sessuale, velocizza il metabolismo, migliora le prestazioni atletiche, previene le malattie degenerative, previene l’osteoporosi e molto altro.

La mia domanda è: tu tieni monitorati i tuoi pensieri? Sai riconoscere e gestire in ogni momento della giornata le emozioni? Alla luce di quanto ti ho rivelato, quanto è importante ai fini del tuo benessere imparare a fare ciò?
Concludendo questo breve ragionamento quando crei un’esperienza di amore, di gratitudine o di comprensione nel tuo cuore, questa invia un segnale al tuo cervello e quando questo segnale viene ricevuto dal cervello genera quella che viene chiamata coerenza (coerenza cuore-cervello). La coerenza è stata effettivamente misurata scientificamente come un segnale elettrico molto basso, pari a 0,10Hz, o 0,10 cicli al secondo.

paolo-babaglioni2Quando ci troviamo in coerenza, sei più buono e meno aggressivo. In questo stato, sei più disposto a risolvere i tuoi problemi discutendone, senza guerre. Sei continuamente alla ricerca delle soluzioni. Nello stato di coerenza la tua forza di carattere è molto forte, riesci a pensare qualitativamente meglio.
Ma come si fa a entrare consapevolmente in coerenza? Gli antichi lo hanno sempre saputo e ce lo hanno tramandato. L’unico modo è praticare correttamente la meditazione sul cuore. In particolare ecco come fare in modo molto semplice. Trova un posto tranquillo, se hai a disposizione una scena della natura ancora meglio, poi:

  • Chiudi gli occhi e inizia a respirare consapevolmente ponendo la tua attenzione per un paio di minuti sul tuo respiro notando immediatamente una sensazione di benessere e poi focalizzati sull’area cardiaca. Puoi anche appoggiare la tua mano sul tuo petto per migliorare la percezione.
  • Immagina di portare il respiro nel tuo cuore inspirando in 6 secondi ed espirando in 6 secondi fino a rendere la respirazione coerente e armonica.
  • Mentre continui a respirare inizia la fase di apprezzamento e gratitudine. Emana dal cuore queste emozioni che possono derivare da persone che ami, animali, situazioni o un tuo futuro desiderato

Per migliorare la tua vita visibilmente, fai questo esercizio 10 minuti al giorno e noterai un cambiamento importante a livello comportamentale. Meno stress, più proattività; meno problemi, più soluzioni.

Nella mia attività di coach considero l’insegnamento allo stato di coerenza di primaria importanza, avendo anche a disposizione uno strumento e un software in grado di misurare questa coerenza a computer.
Il coaching è un percorso di responsabilità e consapevolezza, dove il coach accompagna per mano la persona (coachee) verso la propria autorealizzazione, verso la felicità vera, quella interiore, quella “spirituale”. Al coach si rivolgono coloro che si trovano in una situazione di crisi (relazionale, lavorativa, salutare ma non patologica) e che hanno un futuro desiderato. La felicità è il percorrere la strada che porta al conseguimento degli obiettivi che il coachee ha fissato con metodo insieme al coach, attraverso la messa in pratica di un piano di azione efficace, costruito sui valori e sulle potenzialità del cliente.
Io credo fermamente che questo processo ha successo al 100% solo quando una persona impara a essere per la maggior parte del tempo in uno stato positivo. Solo imparando a gestire i propri pensieri ed emozioni può migliorare la propria vita. E questo si può realizzare solo grazie a tecniche di respirazione, di visualizzazione e di meditazione.

Ascolta il tuo cuore. Esso conosce tutte le cose.
Paulo Coelho, L’alchimista, 1988

paolo-babaglioni
Paolo Babaglioni - Life & Sport Coach
Si riceve solo su appuntamento telefonico
Tel. 333/3306410
Website www.paolobabaglioni.com