Seguici sui social più usati    facebook like facebook google plus google communities youtube twitter linkedin       
Il camp nella moda: guida al fenomeno kitsch e queer PDF Email Visite: 206
Domenica 28 Aprile 2019 10:11

Il camp nella moda: guida al fenomeno kitsch e queerdi Samira Solimeno

Il 6 Maggio il Metropolitan Museum of Art ha inaugurato, con l’annuale gala di celebrità, la  mostra di moda dal titolo “Camp: Notes on Fashion”.

Dopo il precedente successo di “Heavenly Bodies”, che esplorava il rapporto della moda con la religione cristiana, la mostra di quest’anno racconta invece il complesso fenomeno del camp.

Vediamo insieme di cosa si tratta.

Che cos’è il camp?
Quando parliamo di camp ci riferiamo all’uso consapevole e smoderato del kitsch nell’arte, nel costume e nell’abbigliamento.
Il termine camp compare per la prima volta nel 1909 all’interno del Passing English of Victorian Era. Lo stesso anno viene inserito nell’Oxford English Dictionary.

elton john camp

Tuttavia è Susan Sontang nel 1964 con il suo saggio “Notes on Camp” a dare il via all’analisi del fenomeno. L’autrice opera in un’era di rivoluzione sessuale e pertanto, associa il fenomeno all’estetica omosessuale. Con il passare degli anni il camp, definito da Sontang come una sensibilità, ha inglobato uno spettro di significati e sfumature più ampio.
Ma, vi chiederete ora, come si fa a comprendere cosa è camp oggi?
Una delle frasi più utilizzate per comprendere l’estetica camp è “È bello perché è orribile”. Il camp è infatti fortemente provocatorio e di cattivo gusto ed è contraddistinto da eccessi, ironia, assurdità, spettacolarizzazione e teatralità.

The Rocky Horror Picture Show

Quali sono i maggiori interpreti del camp?
Tra i primi rappresentanti c’è il regista americano John Waters, autore di film dissacranti, che oggi consideriamo trash, come “Grasso è bello”.
bjorkTra i film che possono essere considerati come sintesi dell’estetica camp ci sono “The Rocky Horror Picture Show” , “Pulp Fiction” e il più recente “Burlesque”.

Nel piccolo schermo possiamo annoverare invece “La famiglia Addams”, serie del 1964, gli sketch dissacranti di “Monty Python” e le popolari soap opera degli anni ‘80 “Dallas" e “Dynasty”.
Tuttavia, il camp attinge anche dalla musica. Elton John, Bjork, Cher, Liberace, Lady Gaga e Nicki Minaj, sono alcune delle figure camp più importanti in ambito musicale.

Per non parlare del poliedrico Ru Paul, che con il suo programma pluripremiato “Ru Paul’s Drag Race” ha lanciato alcuni dei nomi camp contemporanei più importanti, Sasha Velour su tutti, contribuendo alla legittimazione dell’identità e dell’estetica delle Drag Queen.

rupaul drag race

Cosa aspettarsi dalla mostra del MET?
Come abbiamo visto, il camp è un fenomeno molto vasto e difficile da definire. Tuttavia, possiamo sicuramente concordare di aspettarci poca sobrietà dalla mostra e dalla sua inaugurazione.
Stando alle parole del curatore Andrew Bolton, la mostra rintraccerà il camp a partire dalla corte del Re Sole, analizzando come elementi quali il pastiche e la parodia, vengano espressi attraverso gli abiti.
Saranno 175 gli oggetti esposti. Creazioni di: Versace, Schiaparelli, Vivienne Westwood, Yves Saint Laurent, Richard Quinn, Prada, Demna Gvasalia, Alessandro Michele, Jean Paul Gaultier e molti altri.

gucci moschino jeremy scott

Come saranno caratterizzati i pezzi?
Sicuramente lustrini, piume, colori sgargianti e accostamenti discordi. Parola d’ordine: eccentricità!

 


 

Clicca per aprire in PDF il Magazine Destinazione Benessere 15 in bassa risoluzione

Clicca per aprire in PDF il Magazine Destinazione Benessere 15 in alta risoluzione

Clicca per sfogliare in flash player il Magazine Destinazione Benessere 15

 

Destinazione Benessere 15

GUARDA ANCHE
Scopri tutti i numeri del Magazine Destinazione Benessere

ENTRA NEL CLUB
Iscriviti e scopri tutti i vantaggi che Ti abbiamo riservato

ABBONATI SUBITO
Il Magazine è anche digitale. Richiedi l’abbonamento gratuito

NEWSLETTER
Ricevi Promozioni, Omaggi riservati, Inviti ad eventi esclusivi

ORGANIZZI UN EVENTO?
Utilizza i nostri canali di diffusione per promuoverlo

SEI UN OPERATORE DELBENESSERE? 
Ti piace scrivere? Puoi pubblicare i tuoi articoli nella speciale rubrica dedicata “Consigli degli Esperti”

 

Seguici sui social più usati    facebook like facebook google plus google communities youtube twitter linkedin

Copertine Destinazione Belessere