Seguici sui social più usati    facebook like facebook google plus google communities youtube twitter linkedin       
Nel guardaroba di Ocean’s 8 PDF Email Visite: 311

Nel guardaroba di Ocean’s 8di Samira Solimeno

Fin dagli albori di Hollywood il costume cinematografico è stato relegato dai registi ad un ruolo secondario per evitare che oscurasse i personaggi.

Se si eccettuano le produzioni in costume, i chick-flick, film indirizzati generalmente ad un pubblico femminile, gli unici film in cui il costume ricopre un ruolo importante sono quelli che hanno un collegamento con il mondo della moda.

Proprio questo è il caso di Ocean’s 8, diretto da Gary Ross (regista di Seabiscuit e Hunger Games).

Met Gala Sarah Edwards

Il film è un sequel e spin-off della trilogia Ocean’s diretta da Steven Soderbergh e, come i suoi predecessori, è incentrato su un grande furto, stavolta minuziosamente pianificato da Debbie Ocean (Sandra Bullock), sorella di Danny (George Clooney nei primi tre film), che assembla una squadra di otto donne per mettere in atto un grande colpo ai danni dell’evento americano più glamour dell’anno, il Met Gala.

Anne Hathaway Valentino

La costumista Sarah Edwards, non ha avuto solo il compito di vestire otto personaggi femminili completamente diversi, ma anche quello di creare l’evento del film in maniera autentica. Con l’aiuto della redazione di Vogue e della sua direttrice, Anna Wintour, che cura annualmente la mostra del Met, la costumista ha selezionato un tema per la mostra del film e l’ha affidata alla cura di Hmaish Bowles, european editor-at-large della rivista.

Visto il grande cast, che include tre premi Oscar, l’interessamento da parte del mondo della moda non è finito qui, tanto che è stato Cartier stesso a proporre di disegnare i veri protagonisti della storia, i gioielli del film, inclusa la collana Jeanne Toussaint, l’obbiettivo della squadra di criminali.

La costumista ha inoltre chiesto l’aiuto di una serie di fashion designer per realizzare gli abiti che le donne indossano sul red carpet, di modo che fossero veri abiti di alta moda. Ognuna di loro indossa abiti di brand che rispecchiano lo stile delle singole attrici.

red carpet

Così Anne Hathaway, la diva del film e indossatrice della collana, sfoggia un abito rosa Valentino, Sandra Bullock veste Alberta Ferretti, Rihanna, che interpreta la hacker del gruppo dal look rastafariano, indossa un abito rosso di Zac Posen (che compare in un cameo del film).

Cate Blanchett

Sarah Paulson, l’infiltrata del gruppo nella redazione di Vogue, indossa l’abito più sobrio, un lungo Prada nero, Awkwafina un abito ricamato di Jonathan Simkhai.
Mindy Kalling, che nel film interpreta l’esperta di gioielli, sfoggia un abito dorato di Naeem Khan, Cate Blanchett indossa una tutta verde smeraldo Givenchy, mentre Helena Bonham Carter una mise floreale di Dolce & Gabbana.

Particolare interesse meritano questi ultimi due personaggi. Lou, il personaggio di Cate Blanchett, ha un guardaroba ispirato a Keith Richards e veste perlopiù completi Burberry.

L’eccentrica attrice inglese interpreta invece Rose Weil, la stilista del gruppo (la costumista ha creato 50 outfit per la sfilata iniziale del personaggio), il cui stile è un incrocio tra Vivienne Westwood e una stilista giapponese.

Rose Weil