Seguici sui social più usati    facebook like facebook google plus google communities youtube twitter linkedin       
Royal Wedding: Il sapiente minimalismo di Meghan PDF Email Visite: 226

Royal Weddingdi Samira Solimeno

Alla vigilia del matrimonio più atteso del 2018, i pronostici davano favoriti Tamara Ralph e Michael Russo come designer dell’abito da sposa di Meghan Markle.

La coppia, fondatrice nel 2007 del brand britannico Ralph & Russo, aveva infatti ricevuto l’onore di vestire la futura principessa per il suo primo ritratto ufficiale insieme al fidanzato Principe d'Inghilterra Harry.

 

Royal Wedding

Contrariamente alle speculazioni, la scelta di Meghan è ricaduta su un nome che nessuno si sarebbe aspettato, la designer britannica Clare Waight Keller, nominata prima donna al timone della storica maison Givenchy poco più di un anno fa.

La stilista, precedentemente direttrice creativa di Pringle of Scotland e Chloé, ha tentato in questo lasso di tempo di far riemergere la classicità di Givenchy, che era andata perduta sotto la direzione di Riccardo Tisci.

Non a caso in molti hanno notato come l’abito di Meghan abbia uno stile molto hepburniano.

In effetti, il semplice bianco in cady di seta, è reso elegante dallo scollo a bateau, che lascia le spalle leggermente scoperte, e dalle maniche a tre quarti, due caratteristiche degli abiti di Audrey Hepburn, storica musa del defunto Givenchy.

meghan markle givenchy wedding dress sketch

Non un abito fiabesco alla Cenerentola, come ha notato Vanessa Friedman del New York Times, ma un abito tradizionale, e al contempo moderno, che esaltasse sottilmente la femminilità della sposa.

Naturale e minimalista anche il trucco e i capelli, al di sopra dei quali un velo di cinque metri in tulle di seta, carico di simbolismo. La duchessa di Sussex voleva infatti rendere omaggio ai 53 paesi del Commonwealth, ciascuno dei quali è rappresentato sul velo con una specifica varietà floreale ricamata in seta o organza.

Il velo è tenuto in testa dalla tiara della Regina Mary. Realizzata nel 1932, è costituita da undici sezioni di platino e diamanti, il cui pezzo centrale risale al 1893.

bandeau tiara

Un forte simbolismo è presente anche nel semplice bouquet, costituito tra l’altro da Non ti scordar di me, fiori preferiti da Lady Diana, che Meghan ha deciso di ricordare anche indossando uno dei suoi anelli, abbinandolo al secondo abito da sposa a collo alto e braccia scoperte firmato Stella McCartney.

È chiaro pertanto, come, nonostante l’apparente minimalismo, la principessa californiana sia riuscita ad imprimere un cambio di stile con un look contraddistinto da molteplici significati.