Seguici sui social più usati    facebook like facebook google plus google communities youtube twitter linkedin       
Diamonds are a girl’s best friends PDF Email Visite: 3254

DiamondsPiacciono alle donne e agli uomini, di più se equo solidali.

Cantava così la mitica Marilyn Monroe nel film del 1953 “gli uomini preferiscono le bionde”.

Da allora i diamanti continuano ad essere i migliori amici delle donne e lo sono sempre di più anche degli uomini.

Secondo un sondaggio effettuato dall’OMG “Osservatorio sul mercato del Gioiello” che ha l’obiettivo di monitorare e analizzare periodicamente i gusti degli Italiani rispetto all’acquisto dei preziosi, su un campione di oltre 1.000 intervistati di età compresa tra i 30 e i 60 anni, il 78% ha confermato l’amore per i diamanti anche perché, in periodo di crisi come quello che stiamo attraversando, mirano decisamente a durare nel tempo.

Dei più svariati tagli, colori o montatura «I diamanti – spiega Silvestro Fiore, direttore dell’“Osservatorio – non solo continuano ad essere i migliori amici delle donne, ma, ultimamente, hanno instaurato un ottimo feeling anche con gli uomini che li acquistano per regalare alla persona amata o, sempre più di frequente, come investimento, visto che il loro valore aumenta considerevolmente col passare degli anni».

I diamanti, infatti, si sono rivelati un eccezionale bene rifugio (il cui valore cresce del 7% di anno in anno, secondo dati forniti da Il Sole 24ore. L’ età, la storia, la simbologia e l’incredibile splendore fanno del diamante il gioiello per eccellenza.
Dal nord al sud Italia cambiano le preferenze, ma si orientano comunque sui classici come i solitari e le vere di diamanti, braccialetti “tennis” realizzati con diamanti bianchi o neri (questi ultimi particolarmente apprezzati dai signori uomini), girocolli eternet -versione decollété del bracciale tennis, orecchini a cerchio, chandelier o a bottoncino con pietre di colore.

Rari, preziosi ed indistruttibili, i diamanti sono il simbolo di eternità e per questo sono usati da secoli come gioielli dell’amore. Ma forse non tutti sanno che queste pietre preziose hanno anche innumerevoli proprietà sfruttate nel campo della bellezza e in particolare che la polvere di diamante aiuta a contrastare l’invecchiamento della pelle se unita a retinolo e proteine anti-age.
Iniziata nel quindicesimo secolo in Austria, la romantica tradizione di regalare un anello con diamanti come impegno d’amore e dedizione, si è diffusa largamente tra tutte le culture del mondo. Cattura e simboleggia le emozioni e i momenti importanti della vita e la sua importanza non dipende generalmente solo dal valore economico dell’oggetto, quanto dal valore emotivo affettivo che incarna.

Ma come orientare un acquisto e riconoscere se i diamanti sono equo solidali?
I problemi legati alla produzione dei gioielli sono di due tipologie: l’inquinamento dell’aria e delle falde acquifere provocato da processi di lavorazione non controllati e non rispettosi dell’ambiente e l’estrazione dei materiali preziosi che avviene in condizioni lavorative che violano diritti umani di base o clandestinamente destinata al mercato nero per finanziare gruppi terroristici o guerre.
Quest’ultimo interessa soprattutto il commercio di diamanti, ben descritto nel famoso film “Blood Diamond” con Leonardo di Caprio, ruota intorno ai cosiddetti Conflict Diamonds, soprattutto in Africa centrale e orientale.

Così nel 2000 è iniziata una collaborazione tra l’industria dei diamanti, l’ONU e organizzazioni non governative che ha portato al sistema di Certificazione “Kimberley” grazie alla quale oggi il 99% dei diamanti venduti nel mondo provengono da zone “conflict free”, senza guerra e sono quindi riconosciuti ufficialmente equi e solidali.

Come scegliere e dove acquistare i diamanti?

Seguici su destinazionebenessere.it

A cura di Stefania Russo