Seguici sui social più usati    facebook like facebook google plus google communities youtube twitter linkedin       
Proteggere gli occhi dal sole PDF Email Visite: 2605

Orottica IschiboniFondamentale è portare gli occhiali scuri con filtri a norma di legge.

Siamo con Eleonora Ischiboni, titolare dell’Orottica Ischiboni di Fiano Romano (RM) alla quale abbiamo chiesto di darci alcuni suggerimenti su quali sono i problemi causati dai raggi solari e come affrontarli.

L’eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti del sole, in assenza di adeguata protezione, è alquanto dannosa a livello oculare. Uno dei problemi più comuni è la cheratocongiuntivite attinica, un’infiammazione acuta che colpisce sia la congiuntivasia la cornea, con sintomi quali lacrimazione, dolore, gonfiore alle palpebre, sensazione di sabbia negli occhi, vista annebbiata o ridotta.

In questo caso è necessario recarsi dall’oculista che verificherà se si è contratta qualche malattia somministrando una terapia adatta. Si tratta comunque di un disturbo lieve che generalmente si risolve in pochi giorni senza lasciare alcuna conseguenza.

Come prevenire i disturbi oculari causati dai raggi solari?
Orottica IschiboniÈ sempre fondamentale proteggere gli occhi mettendo occhiali scuri dotati di filtri a norma di legge. In particolare, gli occhiali da sole avvolgenti sono quelli che meglio proteggono gli occhi perché bloccano i raggi nocivi provenienti anche lateralmente. Inoltre, un cappello a tesa larga offre un certo grado di protezione. Bisogna ricorrere a tali protezioni in tutte le situazioni in cui ci sia una forte esposizione ai raggi ultravioletti, al mare come in montagna. Qualora compaiano fastidi, bruciore, rossore e fotofobia (intolleranza alla luce), visione offuscata, macchie scure sulla parte bianca del bulbo (simili a nei), è consigliabile recarsi subito dall’oculista.

Cosa avviene se si guarda troppo a lungo il sole?
Orottica Ischiboni 3Si rischia di contrarre la cosiddetta “maculopatia fototraumatica” che purtroppo è un danno irrimediabile perchè a causa dei raggi ultravioletti non filtrati genera una cicatrice sullla retina. Le conseguenze possono essere molto gravi. Non sono possibili terapie specifiche che permettano di recuperare il danno. Perciò una raccomandazione tanto fondamentale quanto ovvia è quella di non guardare mai direttamente il sole. Nel caso in cui lo si voglia osservare, ad esempio quando si verifica un’eclissi solare, è necessario fare uso di filtri speciali.

E’ consigliabile una dieta per vedere meglio?
Non una dieta specifica ma è opportuno consumare molta frutta e verdura (soprattutto arancia, kiwi e albicocche, peperoni, pomodori, carote e vegetali a foglia verde come lattuga e spinaci). Inoltre, è consigliabile mangiare spesso pesce perché contiene omega-3 e omega-6, acidi grassi che hanno dimostrato avere un effetto protettivo sulla macula. È sempre importante bere molta acqua perché le elevate temperature determinano una disidratazione maggiore e anche l’occhio può soffrirne.

Cosa fare quando si portano le lenti a contatto?
Orottica Ischiboni 4Così come generalmente non si deve dormire con le lenti a contatto e bisogna stare attenti alla loro pulizia, così bisogna evitare di fare entrare sabbia negli occhi. È certamente preferibile quindi fare il bagno in mare senza lenti a contatto e, se proprio non se ne può fare a meno consiglio di mettere subito del liquido dopo il bagno per disinfettarle e per evitare che vi si depositi il sale. Ovviamente, a causa dei vari agenti atmosferici (sole e riverbero sull’acqua, vento, ecc.) si è più suscettibili ad arrossamenti oculari, per cui ribadiamo che è senz’altro preferibile evitare del tutto l’uso delle lenti a contatto al mare e riutilizzare i tradizionali occhiali.

Orottica Ischiboni
Fiano Romano (Rm)
Via A. Gramsci, 36 - Tel. 0765 480685