Seguici sui social più usati    facebook like facebook google plus google communities youtube twitter linkedin       
Contro il potere dell’ansia PDF Email Visite: 1986

Jessica-CottelliImparare a riconoscere ciò che ci intimorisce per vincerne la paura.

Una certa quota d’ansia può essere utile per affrontare la vita quotidiana, basti pensare all’ansia prima di un esame che ci permette di affrontarlo al meglio. Ma a volte l’ansia può divenire per l’individuo un vero e proprio problema e in tal caso è importante capirlo e farsi aiutare prima che questo diventi invalidante. L’ansia è infatti l’espressione di un conflitto interno che va indagato ed elaborato.

Paura e ansia non sono la stessa cosa, possono sembrare apparentemente simili ma sono fra loro molto differenti.

La paura è un’emozione primaria, quindi innata e avviene in modo non consapevole. Viene manifestata di fronte ad un reale pericolo, essa segnala all’organismo la presenza di una minaccia e ci prepara per affrontarla. L’ansia può essere definita come la sorella della paura, è infatti un’emozione secondaria e il pericolo in questo caso non esiste veramente. Gli scenari che suscitano pericolo sono personali, come può essere per esempio la paura che si scatena alla presenza di un ragno. L’ansia dipende quindi dalla lettura che il soggetto dà di una determinata situazione.

L’attivazione dell’ansia crea, come nella paura, un’attivazione fisiologica: accelerazione del battito cardiaco, sudorazione, palpitazione etc...

Jessica-Cottelli1Il disturbo d’ansia può manifestarsi in qualunque momento della vita, spesso corrisponde a periodi di transizione particolarmente critici per l’individuo o quando ci si trova ad affrontare scelte difficili.

Ci sono però una serie di “regole” che sono fondamentali per far sì che l’ansia non prenda il sopravvento. Innanzitutto è fondamentale non evitare le situazioni che ci provocano ansia. Sembrerebbe la soluzione più logica, che porta ad una momentanea sensazione di benessere ma più le situazioni vissute come minacciose vengono evitate e più queste acquistano potere. Inoltre parlare d’ansia non fa che aumentare la sua forza, producendo i peggiori effetti. Riconoscere i meccanismi che la generano è indispensabile per farla regredire, ma più ci si concentra sulle proprie sensazioni d’ansia e più l’ansia aumenta. È altresì importante cercare di non avere il controllo assoluto sulla situazione, perché il controllo produce l’effetto contrario dando vita ad ulteriore ansia.

Vincere l’ansia non è facile, ma saperci convivere e saperla gestire è fondamentale. Ciò è possibile solo con l’aiuto di un esperto che permette di comprendere il conflitto interno.


Dott.ssa Jessica Cottelli - PSICOLOGA
www.jessicacottelli.wordpress.com
Poliambulatorio S. Damiano
Via Roma 77 • Corte Franca (BS) • Tel. 030/9828300
Poliambulatorio S. Rita
Via Rovato 31 • Erbusco (BS) • Tel. 030/7704275